Articolo

25 Ott

Pandemia da Covid-19 – Disciplina emergenziale – Procedimento di riesame di sequestro probatorio – Trattazione in deroga alla sospensione di cui all’art. 83, d.l. 17 marzo 2020, n. 18 – Legittimità – Ragioni.

La Corte Suprema, pronunciandosi in tema di normativa connessa all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ha affermato che il riesame di sequestro probatorio rientra tra i “procedimenti in cui sono state applicate misure cautelari” per i quali, ai sensi dell’art. 83, comma 3, lett. b), n. 2, d.l. 17 marzo 2020, n. 18, conv., con modifiche, in l. 24 aprile 2020, n. 27, in presenza di richiesta dell’interessato, non opera il rinvio d’ufficio delle udienze di cui al comma 1 della suddetta disposizione, in quanto la misura – sebbene abbia collocazione codicistica differente dalle misure cautelari reali, trattandosi di un mezzo di acquisizione della prova – impone comunque un vincolo reale sul bene e, analogamente alle misure cautelari reali, è soggetta allo stesso rimedio processuale.

Cass. Pen. Sez. 31841:2020